Santi Correnti

  • 0

Santi Correnti

Kaliggi con Santi CorrentiSANTI CORRENTI

Santi Correnti, primogenito di Antonino e di Venera Leonardi, nacque a Riposto il 28 gennaio 1924.
Rimasto orfano di padre a soli 11 anni, divenne punto di riferimento per i suoi fratelli: Pino, Lina e Nardina. Dalla madre, docente elementare con la passione del giornalismo (scriveva per la rivista Le Vie Nuove con lo pseudonimo Viola di Prato), ereditò l’amore per lo studio e la ricerca storica.
Ex normalista, pluri laureato con il massimo dei voti e la lode (conseguì le lauree: in Lettere Classiche – con una tesi su Virgilio, scritta in latino –, e in Storia e Filosofia, più una Honoris Causa),nel 1959 insegnò per un anno al Senior High School di West Bend nel Wisconsin.
È stato il primo a istituire la cattedra di Storia della Sicilia nell’insegnamento universitario,
conducendola dal 1970 al 1996, nell’Università di Catania. Direttore dal 1964 dell’Istituto Siciliano
di Cultura Regionale (Iscre) e dal 1973 della Rivista Storica Siciliana; Medaglia d’Oro della Pubblica
Istruzione dal 1977, Acireale nel 1991 lo nominò “Siciliano dell’anno” per le rubriche culturali da
lui curate per diverse testate giornalistiche alcune delle quali sulle tv locali come
“Alla scoperta di Catania” su Telejonica e “L’Almanacco” su Antenna Sicilia.
Premio Aitnen nel 2008 per aver offerto ai lettori “un quadro della Sicilia tra i più completi e interessanti scritti finora”,che egli ha voluto pubblicare per “la valorizzazione morale” della terra natia.
Per i suoi studi sull’alimentazione, nel 1993 gli è stata dedicata una sala del Museo delle Paste
Alimentari di Roma, mentre nel 2006 l’Associazione Culturale catanese “L’Elefantino” proprio per onorare l’indiscussa valenza della sua ricerca storica, ha istituito il Premio “Santi Correnti
(rarissimo esempio di intitolazione a persona vivente).
«Amava la famiglia –ha ricordato la prof.ssa Nardina, sorella dell’estinto –e profondamente
la moglie Concettina Scirè, venuta meno il 13 agosto 2007. Da quel giorno, sembrava quasi che
aspettasse il momento di ricongiungersi a lei. Aveva addirittura dato le disposizioni per le sue
esequie scegliendo anche il luogo per la tumulazione.
Minuzioso sino alla fine».
Si spense improvvisamente a Villa dei Pini, Santa Maria La Stella (Ct), dov’era
momentaneamente ospite, alle ore 5,30 del 27 agosto 2009, all’età di 85 anni.

Leave a Reply